adrian bianco intervista header

September 5, 2022

Il futuro delle sub-culture nella mente di Adrian Bianco

Abbiamo parlato con Adrian del suo lavoro in Giappone, la sua opinione sui trend streetwear odierni e tanto altro ancora.

Abbiamo parlato con Adrian del suo lavoro in Giappone, la sua opinione sui trend streetwear odierni e tanto altro ancora.

Alessandro Ranieri

Raccontare un Paese così sfaccettato e complesso come il Giappone non è cosa di tutti i giorni. Allo stesso tempo, ci si affaccia in una rivoluzione socio-culturale imponente, che va dal cinema alla moda, fino alle sub-culture cittadine. Adrian Bianco, fondatore del magazine giapponese Sabukaru e non solo, è una di quelle figure di raccordo nell’universo contemporaneo moderno, in grado di porre una lente d’ingrandimento sui mille aspetti del Paese nipponico. In questa intervista, abbiamo parlato con Adrian del suo lavoro in Giappone, la sua opinione sui trend streetwear odierni e tanto altro ancora.

Chi sei, cosa fai, raccontaci di te.

Hola, mi chiamo Bianco e sono il direttore di una rivista con sede a Tokyo e il direttore creativo di un’agenzia di marketing e strategia. Tutto ciò che facciamo è incentrato sulla cultura, la sottocultura, la moda, l’arte e tutto ciò che conta in quell’universo.

Per te che vivi stabilmente in Giappone, quali sono le principali differenze tra la cultura delle sneaker e dello streetwear in Europa?

La cultura delle sneakers in Europa è ancora molto giovane e in alcuni Paesi è ai primi passi, nonostante sia un fenomeno globale di massa. I tempi sono ancora diversi rispetto al Giappone e lo si vede soprattutto dagli stili e dal modo in cui le persone indossano le sneaker qui. Mentre il mercato Hype Gen-Z è super globalizzato e tutti seguono più o meno le stesse tendenze, qui in Giappone i consumatori più anziani sono vestiti in modo molto più vario. Le persone più “anziane” hanno avuto la loro parte di cultura ed esperienza di strada e hanno sviluppato uno stile che non ha quasi concorrenza in tutto il mondo. Il modo in cui inseriscono le sneakers nel loro abbigliamento quotidiano è molto naturale.

Con Sabukaru avete creato uno sguardo sulla cultura giapponese, ma con tante penne diverse provenienti da tutto il mondo. Quanto è importante per voi avere un approccio globale a un tema così localizzato?

Abbiamo un team globale composto da giapponesi, americani, tedeschi, inglesi e scrittori di molti altri Paesi, quindi il nostro approccio viene abbastanza naturale e tutto parte semplicemente dall’interesse e dalla passione. Abbiamo anche una vasta gamma di argomenti, e fondamentalmente scriviamo semplicemente di ciò che ci piace.

L’ascesa di marchi supertecnici e funzionali, come Asics, Salomon, New Balance, ROA e Arc’Teryx, sta tracciando una nuova vita per lo streetwear. Siamo sempre più legati al comfort piuttosto che all’estetica o si tratta di una tendenza sociale destinata a scomparire presto?

La funzionalità è in aumento ed è destinata a rimanere. Naturalmente, per alcuni si tratta solo di una tendenza e si vedono già persone che si dirigono verso nuove direzioni, ma alla fine la gente non smetterà di indossare moda protettiva e funzionale. È la stessa cosa che è successa quando la tendenza delle sneakers ha colpito i nuovi consumatori. Indipendentemente dalla direzione che prenderà la tendenza, dopo aver camminato su una scarpa da ginnastica ammortizzata, le persone non torneranno mai alle scarpe di pelle. Lo stesso vale per l’abbigliamento funzionale. Perché smettere di indossare una giacca protettiva quando piove e tornare a un semplice tessuto anche se le tendenze sono cambiate? La gente si atterrà ad esso, la moda funzionale crescerà ulteriormente, indipendentemente dal fatto che le tendenze e gli stili cambino.

Come è cambiata la tua visione delle sottoculture con il tuo arrivo in Giappone e come la applichi nel lavoro di “ricercatore di tendenze”?

Mi sono sentito più a casa e più vicino alle sottoculture rispetto al passato. In Giappone le persone vanno più a fondo, fanno più ricerca e vivono di più in una determinata scena. Per quanto riguarda la mia ricerca sulle tendenze, tutto è diventato ancora più specifico e mi sembra che ora siamo ancora più vicini alla nascita delle tendenze rispetto a prima. Il punto di partenza è sempre il Giappone, ma da qui abbiamo una visione precisa delle dinamiche globali e possiamo trasformarle in intuizioni e previsioni.