Sneakers - August 1, 2022

Air Jordan 4: Sette cose forse che non sai

Le Air Jordan 4 non hanno certo bisogno di presentazioni, ma ecco sette cose che forse potresti non conoscere sull’iconico modello classe 1989.

Le Air Jordan 4 non hanno certo bisogno di presentazioni, ma ecco sette cose che forse potresti non conoscere sull’iconico modello classe 1989.

1. Nel 1989 le Air Jordan 4 erano un’avanguardia tecnologica

Le Air Jordan 4 sono passate alla storia come la seconda signature shoe di Michael Jordan disegnata da Tinker Hatfield. Nel 1989 il designer americano creò un vero e proprio capolavoro dal punto di vista tecnologico. Le Jordan 4, infatti, oltre ad avere l’unità Air visibile, erano provviste di una tomaia in durabuck, un materiale più leggero e adatto a durare maggiormente nel tempo, ma soprattutto più economico rispetto al pellame utilizzato all’epoca per le scarpe sportive. Inoltre, alla tomaia della J4 venne applicata anche una retina in uretano con l’obiettivo di renderla il più traspirante possibile. Come se non bastasse, Hatfield creò anche delle “ali” vicino al collar, nelle quali gli atleti potevano inserire i lacci in ben diciotto modi diversi. Una comodità non da poco.

2. Spike Lee ha contribuito al successo delle Air Jordan 4

“The Shot”, ossia il tiro con il quale Michael Jordan, con ai piedi un paio di Jordan 4 “Bred”, a tre secondi dalla fine vinse la gara decisiva del primo turno dei playoff contro i Cleveland Cavaliers, non è l’unica cosa che ha reso celebri le Jordan 4. Parte del successo planetario del modello classe 1989, lo si deve anche a Spike Lee e ai suoi spot pubblicitari per il lancio ufficiale delle Jordan 4 nel quale interpretava il personaggio immaginario di Mars Blackmon. Oltre a questi spot, le Air Jordan 4 si sono rese protagoniste anche nel film “Do The Right Thing” diretto e interpretato proprio da Spike Lee, nel quale l’attore indossava proprio un paio di J4.

3. Michael Jordan ha indossato 3 delle 4 colorazioni originali durante una partita NBA

Le colorazioni OG di Jordan 4 uscite nel 1989 sono state in tutto quattro: “Bred”, “Fire Red”, “White Cement” e “Military Blue” . Le prime tre colorazioni sono state tutte indossate da “His Airness” in gare ufficiali, mentre le “Military Blue” invece no. La motivazione è semplice: le scarpe avevano dei colori che non avevano nulla a che fare con la divisa dei Chicago Bulls.

4. Le Air Jordan 4 sono state le prime Jordan acquistabili in tutto il mondo

Oggi siamo abituati sempre più spesso a sneakers rilasciate in tutto il mondo. Nel 1989 non era sempre così. Le prime tre Air Jordan uscite nel triennio 1985-1987 sono state rilasciate solo in determinate parti del mondo. Le prime Air Jordan a essere protagoniste di una release globale nel loro primo anno di uscita furono proprio le Jordan 4.

5. Le Air Jordan 4 sono state le protagoniste della prima collaborazione di Jordan Brand

Vi siete mai chiesti quale è stata la prima collaborazione della storia di Jordan Brand?

air jordan 4 undefeated

A distanza di vent’anni dalla prima Air Jordan 1 nel 1985, la prima collaborazione del brand americano arrivò nel 2005. Le protagoniste della collaborazione tra Undefeated e Jordan Brand furono infatti le Jordan 4, che per l’occasione si tinsero del famigerato schema colori Olive/Oiled Suede/Flight Satin. Le scarpe, prodotte in sole 72 paia, più alcuni sample con diverse sfumature di verde, sono ancora oggi una delle Air Jordan più belle e costose di sempre. Un sogno proibito di qualsiasi sneakerhead che si rispetti.

6. Esiste un paio di Air Jordan 4 dedicate a Superman

Vi sarà capitato di vedere almeno una volta nella vostra vita le Air Jordan 4 con il logo di Superman sulla linguetta. Quella che potrebbe sembrare una scarpa che prende ispirazione dal famoso supereroe o una collaborazione che rende omaggio all’uscita di qualche film, nasconde in realtà un messaggio molto ben più profondo. 

Nel,2003, grazie a Connor Doherty, nasce il programma “Doernbecher”, attraverso il quale i giovani pazienti dell’ospedale “OHSU Doernbecher Children’s Hospital” possono personalizzare alcune delle silhouette Nike più importanti sfruttando la loro immaginazione. Nel 2011, fu il turno di Isaiah Scott, un bambino malato di cancro, soprannominato “Superman” per via della sua enorme forza. Per il progetto venne scelta proprio la Jordan 4, che per la speciale occasione si travestì da supereroe.

7. Le Air Jordan 4 sono una scarpa da golf molto popolare

Oltre al basket e al baseball, Michael Jordan ha un certo feeling anche con il golf. Non è un caso infatti se il suo impero si è esteso anche a questo sport. Nel corso della sua storia, Jordan Brand ha rilasciato più volte alcune delle sue silhouette più famose caratterizzate dalla presenza della suola da golf. Fra queste scarpe, le più popolari sono senza dubbio le Air Jordan 4. Le scarpe classe 1989, oltre a essere utilizzate da giocatori professionisti come per esempio Bubba Watson, sono state rilasciate più volte in colorazioni memorabili, creando non poco hype anche tra le persone lontane dal mondo del golf.